Estate 2016

Voglia di fresco, di vita all’aria aperta e di sperduti paesini immersi in una bucolica natura. Caricata l’auto con l’attrezzatura da campeggio, via verso il nord Europa. Obiettivo Svezia. Tappa ‘lunga’ principale spezza-viaggio = Praga (rimando al post “Praga, città delle cento torri, una delle città più belle del mondo!”)

Abbiamo trascorso quasi 2 intere settimane esplorando i territori del centro-sud della Svezia.

Isola di Oland

Prima tappa: Oland, un'isola della Svezia, nonché la più piccola provincia della nazione.


Immense praterie, fattorie, altopiani in pietra calcarea, riserve naturali con animali in libertà (Ottenby), antichi siti funerari risalenti all'Età del Ferro e del Bronzo, pietre megalitiche, spiagge bianchissime, mare cristallino, mulini a vento abbandonati o restaurati.

IMG_0130.jpg

Questo è ciò che l'isola di Oland offre agli occhi del suo visitatore!
Le caratteristiche paesaggistiche ed archeologiche dell'isola sono rinomate anche a livello internazionale tanto che l'UNESCO ha dichiarato la sua parte meridionale Patrimonio dell'Umanità.

Soddisfatissimi di un esordio così entusiasmante a contatto con la natura e con scenari di rara bellezza, raggiungiamo la terraferma facendo tappa a Kalmar, famosa per il castello che regala al visitatore un colpo d'occhio veramente straordinario.

 

La regione del Dalarna

L’itinerario prosegue verso l’interno e, più precisamente, nel Dalarna, una provincia storica della Svezia centrale che rappresenta un‘immersione ‘tout court’ nella tradizione: qui la leggenda narra che vivano i troll, qui il 24 giugno si celebra la festa del Midsommar, qui si possono incontrare orsi, alci e lupi e, sempre qui, in inverno, si svolge la Vasaloppet, la maratona sciistica più vecchia e più lunga del mondo.

Tradizione fa rima con artigianalità e non è quindi un caso il fatto che, proprio in questa zona, affondi le radici la creazione artigianale di quello che è divenuto il simbolo, non solo della provincia, ma della nazione stessa: il "Dalahäst", alias il Cavallino di Dala, una statuetta di legno che raffigura appunto un cavallino, dipinta a mano con colori vivaci (rosso e bianco i più tradizionali).

La zona pullula di laboratori - con annessi negozi - dove poter assistere, rimanendone incantati, al meticoloso lavorio di abili artisti. Nello specifico, la produzione si concentra nel territorio della municipalità di Mora e noi abbiamo visitato il villaggio di Nusnäs.

IMG_0737.jpg

Il Lago Siljan

Rimanendo nei territori centrali, giorno dopo giorno, andiamo alla scoperta dei meravigliosi angoli che costeggiano il lussureggiante lago Siljan, nella regione dello Svealand occidentale. Qui siamo immersi nella natura al 100%. Il paesaggio che va per la maggiore è costituito dalle caratteristiche casette rosse di legno con i bordi bianchi che fanno capolino tra i boschi. La tinta rosso scuro di queste abitazioni di campagna é denominato “Rosso Falun”, dal nome della città dove viene prodotto.

Pittoreschi villaggi, casette così semplici che ricordano i disegni di un bambino, animali al pascolo, paesaggi bucolici fatti di laghi, boschi e foreste.

Un panorama che pare balzar fuori dalle pagine di un libro di fiabe oppure, al contrario, che ci catapulta all’interno di un mondo magico e fatato!

IMG_0728.jpg

 

Anche a voi piacciono questi luoghi che sembrano fuori dalla realtà? Ne avete mai visitati di simili? Consigliateceli nei commenti.