Bosco degli gnomi: fiabesca passeggiata da fare con bambini in provincia di Brescia

iseo bosco sculture

Il sentiero del Bosco degli Gnomi si trova a Zone, una località bresciana sul lago d'Iseo, rinomata per le famose piramidi. In questo articolo, però, non parleremo delle particolari formazioni rocciose, ma bensì di un bosco che sembra essere uscito da un libro di fiabe.
Il Bosco degli Gnomi, infatti, è costellato da meravigliose sculture di legno che si susseguono durante il percorso. L'idea perfetta per una piacevole passeggiata da fare anche coi bambini che rimarranno sicuramente estasiati di fronte a funghi, elfi, animali di ogni foggia e tanti buffi personaggi. Addentriamoci allora insieme lungo il percorso del Bosco degli Gnomi!
In questo articolo vi racconteremo dove si trova, com'è il sentiero e soprattutto vi daremo tanti preziosi consigli per organizzare al meglio la vostra passeggiata.

passeggiata bosco iseo
iseo brescia bosco gnomi

Bosco degli Gnomi: dove si trova

Si trova in località Zone, in provincia di Brescia, sul lago d’Iseo. Il sentiero che attraversa il Bosco degli Gnomi si trova alla base del monte Guglielmo, l’ottava cima più alta del territorio bresciano.

Cos'è il Bosco degli Gnomi

Costituito in prevalenza da abeti e castagni, è un sentiero che attraversa il bosco e lungo il quale si susseguono sculture di legno raffiguranti vari animali del bosco e gnomi, così come fate, elfi e personaggi di ogni sorta, anche fantastici e tratti dal mondo dei cartoni animati.

In totale si tratta di 44 sculture, tutte perfettamente scolpite e ben levigate.

Le sculture non si incontrano subito a inizio percorso. Bisogna camminare almeno una ventina di minuti prima di incontrare finalmente gli gnomi. Durante questa prima parte del percorso, ci si imbatte comunque in sculture e massi con incisioni che invogliano a proseguire!

passeggiata bosco gnomi
brescia bosco gnomi

Storia e origini del Bosco degli Gnomi

La creazione di questo luogo fiabesco la si deve ad un abile artista locale specializzato nella lavorazione e nell’intaglio del legno. L'artista-artigiano si chiamava Luigi Zatti ed era meglio noto come il Rosso di Zone.

Secondo la leggenda, il Rosso stava camminando nel bosco quando incontrò gli gnomi che gli comunicarono il loro desiderio di divenire le sentinelle del sentiero. Lo scultore decise allora di accontentarli e, così, nel 1998, cominciò ad intagliare nei tronchi degli alberi le creature che aveva incontrato. Ed è così che nacque questo luogo magico!

passeggiata bosco gnomi
brescia bosco gnomi

Caratteristiche del Bosco degli Gnomi

Nonostante il nome suggestivo faccia pensare ad un luogo adatto per i bambini, è bene precisare che la camminata non è delle più semplici. Anche se non impossibile.

  • il sentiero procede sempre in salita, non ci sono tratti pianeggianti

  • il terreno è acciottolato e, quindi, potrebbe essere scivoloso soprattutto in caso di umidità

  • essendo dislocato tutto all'interno del bosco, il sentiero è sempre ombreggiato, nota positiva se si decide di intraprenderlo in estate quando fa molto caldo

bosco gnomi passeggiata
iseo bosco gnomi

Quanto è lungo il Bosco degli Gnomi?

Di media, la passeggiata dura 1 ora / 1 ora e mezza. Come già detto, il tragitto è completamente in salita ma, basta prendersela con calma, e tutti sono in grado di portare a termine il percorso. Tra l'altro, proprio per la sua caratteristica, il sentiero è pensato per fare tante soste per ammirare da vicino le varie sculture ed ovviamente per fotografarle.

Come già accennato, il Bosco degli Gnomi si trova ai piedi del Monte Guglielmo. I più allenati possono quindi decidere di proseguire per raggiungere la vetta.

bosco gnomi passeggiata
iseo bosco gnomi

Bosco degli Gnomi: consigli pratici per organizzare una gita perfetta

Tenendo in considerazione le caratteristiche appena sopra descritte, ecco alcuni consigli pratici per organizzare la vostra camminata.

  • Indossare scarponcini da montagna. No le semplici scarpe da ginnastica

  • In caso di bambini piccoli, attrezzatevi con degli zaini per tenerli in spalla perché è impossibile percorrere il sentiero con un passeggino

  • Portatevi una bella scorta d'acqua perché non ci sono fontanelle

  • Non sono presenti né chioschi né punti ristoro. Lungo il percorso, ogni tanto si incontra qualche area pic nic con tavoli e panche di legno ma, ovviamente, dovete essere attrezzati con tutto il necessario

Quando andare

Questo sentiero è ideale per una gita durante le mezze stagioni. In autunno, poi, si può approfittare anche per raccogliere castagne! Anche l'estate può essere un buon periodo da prendere in considerazione anche se il caldo umido tipico della zona può rendere pesante il cammino in salita. Sconsigliatissima invece la stagione invernale per il rischio ghiaccio.

Bosco degli Gnomi: come arrivare e dove parcheggiare

In auto, percorrete la Strada statale 510 – Sebina Orientale. Una volta arrivati a Marone, dirigetevi al bivio per Zone e continuate verso il paese, località “Goi de la Tromba – Polset”. Seguite le indicazioni “Bosco degli Gnomi”, parcheggiate l’auto e imboccate il sentiero 227.

Il sito è sempre aperto e l'ingresso è gratuito.

Durante un weekend nel bresciano, dopo aver fatto questa bella passeggiata in un luogo magico e fatato, potreste spostarvi sull'altra sponda del Lago d'Iseo e raggiungere la Località Endine Gaiano, per trascorrere momenti indimenticabili sull'incantevole Lago di Endine.

Lombardia - ti può interessare

Italia

difotoediviaggi-bianco150px.png
© 2018 Tutti i contenuti, testi e fotografie sono riservati. Copywright difotoediviaggi.it

Un archivio di foto e racconti di viaggio.
Un emozionante bagaglio di ricordi
ed una fonte d'ispirazione
per chi ha voglia di partire.

Contact Info

info@difotoediviaggi.it

PRIVACY E COOKIES POLICY