lussemburgo citta panorama

Vi state chiedendo se è possibile visitare Lussemburgo in un fine settimana?

La risposta è sì!

Ecco il nostro itinerario che vi mostra cosa vedere in un week-end a Lussemburgo. E non solo….

Generalmente associato al mondo della finanza e delle banche, lo Stato del Lussemburgo - unico Granducato esistente al Mondo confinante con tre super potenze europee quali Francia, Belgio e Germania - è un piccolo Paese che passa in sordina sotto il profilo turistico.

E ciò è un vero peccato!

Lussemburgo è infatti un minuscolo Stato - o meglio, un Granducato - ricco di bellezze e tenuto benissimo. Un piccolo gioiello medievale che vanta un gran numero di castelli, paesaggi verdeggianti ed ovviamente una capitale veramente deliziosa.

Città di Lussemburgo, è infatti una piccola capitale dal grande fascino, al punto tale che nel 1944 il suo centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell'Umanità.

A misura d’uomo, Città di Lussemburgo si può visitare tranquillamente in una giornata.

Se si ha a disposizione un intero week-end (come nel nostro caso) si ha quindi la possibilità di fare anche una gita fuori porta. Noi abbiamo scelto il Castello di Vianden, una delle attrattive più famose del Paese.

lussemburgo citta panorama case matte
lussemburgo citta panorama ground

Itinerario di una giornata a Lussemburgo

Il centro storico di Città di Lussemburgo è così raccolto che ci si muove comodamente a piedi (a meno che non abbiate l’alloggio fuori, ma in tal caso potrete avvalervi dell’efficientissima rete di trasporti pubblici che, tra l’altro, nei giorni festivi sono gratuiti!).

Grand Rue e Place d’Armes

Il giro può cominciare dalla Grand Rue, una strada pedonale che “taglia” il centro storico e dove si susseguono vetrine di negozi di ogni tipo: eleganti, souvenir, grandi firme, boulangerie e prodotti tipici.

Alla fine della Rue ci si trova in Place d'Armes, la piazza più animata della città, sia di giorno che di sera. Punto di ritrovo per turisti e lussemburghesi che amano trascorrere del tempo in uno degli innumerevoli locali che affollano la piazza con i loro plateatici.

Con un po’ di fatica, a causa della folla e degli ombrelloni di bar e ristoranti, si può scorgere, su un lato della piazza, il Palazzo Municipale con caratteristica torretta e, su un lato della piazza, una colonna in onore dei poeti nazionali Dicks e Michel Lentz.

Place Guillaume e Municipio

Proseguendo nell’itinerario si giunge in Place Guillaume, la storica piazza dedicata al Gran Duca Guglielmo II, la cui statua a cavallo si erge al centro dello spiazzo. L’edificio più importante è senza dubbio il Municipio. Ultimato nel 1838, è in stile neoclassico e all’ingresso gli fanno da guardia 2 leoni di bronzo.

lussemburgo Cattedrale di Notre Dame

Cattedrale di Notre Dame, Place de la Constitution e Gelle Fra

A pochi minuti di passeggio ci si imbatte in uno dei simboli di Lussemburgo: la Cattedrale di Notre Dame, una costruzione le cui guglie sono così alte, aguzze e slanciate che sono visibili da più punti della città.

Costruita dai gesuiti nel XVII secolo, è uno splendido esempio di stile tardo gotico. Le magnifiche e colorate finestre riflettono la luce esterna creando giochi di luce e colore sulle bianche colonne interne e sul pavimento.

Una volta usciti dalla Cattedrale, attraversato il viale antistante, ci si trova in uno dei tanti punti panoramici della città: Place de la Constitution per ammirare la splendida vista del promontorio che divide la città alta - dove si trova il centro storico - dalla zona più moderna. Nella piazza si eleva la colonna Gelle Fra (donna d’oro), rappresentante la Dea della Vittoria eretta nel 1923 in onore dei soldati che hanno combattuto durante l'occupazione tedesca iniziata nel 1914.

Palais Grand-Ducal

Palais Grand-Ducal è il fiore all’occhiello del Paese, sia per la sua funzione che per le caratteristiche architettoniche.

Residenza ufficiale dei Granduchi fin dal 1895, l’imponente edificio rispecchia, nel carattere stilistico ed artistico, il prestigio della nobile famiglia che lo abita.

Venne costruito nel 1572 per essere il municipio della città.

Purtroppo gli interni sono visitabili solo in estate.

lussemburgo Palais Grand Ducal

Casematte del Bock

L’attrazione più particolare di Città del Lussemburgo sono le cosiddette Casematte del Bock: un intrico di cunicoli e gallerie scavati nel promontorio roccioso che si estende per ben 17 km!

Costruite nel 1644 a scopo difensivo, sono state dichiarate Patrimonio dell'Umanità dall’UNESCO.

All’epoca delle due Guerre Mondiali, le Casematte hanno fornito rifugio a circa 35.000 persone!

Gli interni di questi cunicoli - più o meno stretti - sono ovviamente spogli. Qua e là ci sono pannelli esplicativi ma, il vero punto di forza delle Casematte sono le aperture verso l’esterno che consentono di godere di meravigliosi scorci panoramici sul sottostante quartiere del Grund.

Si tratta certamente di un’attrazione consigliatissima: molto interessante sia per la sua particolarità geomorfologica sia per le storie travagliate che aleggiano attorno ad essa.

RACCOMANDAZIONE per chi soffre di CLAUSTROFOBIA!

In alcuni punti il tunnel si restringe molto; occorre quindi mantenere la calma e tentare di godersi questo piccolo "capolavoro architettonico".

lussemburgo case matte
lussemburgo case matte panorama

Quartiere del Grund

Il quartiere del Grund, collocato nella parte bassa della città, è attraversato dal fiume Alzette ed ospita molti pittoreschi edifici medioevali perlopiù con facciate a graticcio. L'edificio più celebre del Grund, che si scorge dal Chemin de la Corniche, è Neumünster, abbazia con chiostro ora adibita a centro espositivo/culturale.

Dall’alto del Chemin de la Corniche, l’edificio, che spicca per l’altissima guglia aguzza, regala un colpo d’occhio di notevole impatto.

Chemin de la Corniche

Chemin de la Corniche è un sentiero panoramico che si snoda nella parte alta della città e dal quale si aprono magnifiche vedute sul quartiere del Grund e sulle vallate che circondano Città del Lussemburgo. E' noto come "Balcone d'Europa".

lussemburgo cammino cornice

Un’intera giornata è dunque sufficiente per ammirare i tesori di questa piccola perla spesso - e purtroppo - bistrattata dal turismo.

Avendo a disposizione  uno o due giorni in più, ci si può concedere la possibilità di uscire dalla capitale ed andare a scoprire una delle altre meraviglie che questo piccolo stato riserva!

Vi abbiamo stupito? Pensavate che uno staterello poco nominato riservasse tante sorprese?

lussemburgo difotoediviaggi
lussemburgo pasqua